Disco Soupe: Diario di una domenica alla Balera | Parte Prima

Come vi avevamo anticipato domenica abbiamo partecipato al Florence Folks Festival, l’evento dell’Estate Fiorentina alla Balera del Varlungo con la Disco Soupe e uno dei nostri photoset.
Cos’è successo in questa lunga, lunghissima giornata?

LA DISCO SOUPE
Facciamo un passo indietro, quando siamo andati a cercare negozi che fossero disponibili a darci la loro merce a rischio spreco. E in questa fase abbiamo conosciuto Silvia, che si è appena laureata con una tesi sugli sprechi alimentari: subito un incontro promettente!

 

IMG_8964 copia

Nel pomeriggio di domenica ci siamo trovati con Lia di Oxfam, Maira di GreenApes, ovviamente, La Scena Muta e tutti coloro che sono accorsi per contribuire alla Disco Soupe: Barbara, Giulia, Laura, Lorenzo, Maria, Marilena, Nicola, Silvia A., Silvia V., Simone, Veronica, Virginia.

Abbiamo esaminato il bottino e deciso il da farsi:
PAPPA AL POMODORO, per una Disco Soupe ben calata nella fiorentinità, RATATOUILLE CON CROSTONI DI PANE TOSTATO, FRULLATO DI FRUTTA, GHIACCIO E MENTA.

Tutti all’opera! Intanto intorno a noi continuano i preparativi per l’ultima sera di Festival: il Laboratorio per bambini di Co-Cò SPAZIO CO-stanza, la presentazione di “Non è tempo di morire” di Leonardo Gori a cura di Todo Modo, il djset di Chancha Via Circuito Djset, il live di Brasileirinho do Forrò.

È pronto: la nostra Soupe-Pappa-Ratatouille a offerta libera destinata ai progetti di Oxfam, per combattere lo spreco, ma anche la fame.

Durante l’evento sono stati raccolti 167 € a favore della campagna “Sfido la Fame” per sostenere direttamente migliaia di donne attraverso progetti di cooperazione finalizzati a migliorare la produzione di cibo, l’accesso alle risorse e al credito, rafforzando la loro capacità di autosostentamento e di creazione e commercializzazione di prodotti agricoli e artigianali.

Bilancio SenzaSpreco:
+ 66 KG TRA FRUTTA E VERDURA
+ 9  KG DI PANE
CHE ALTRIMENTI SAREBBERO STATI BUTTATI
= TRASFORMATI IN PAPPA AL POMODORO, RATATOUILLE E FRULLATO PER UN CENTINAIO DI PERSONE
> SCARTO FINALE: 5,2 KG

Avremmo forse dovuto buttarli?

Grazie ancora a La Scena Muta per averci proposto la Disco Soupe, alla cucina per aver sopportato le nostre incursioni, a tutti i coloro che coltelli e mestoli alla mano hanno reso possibile la magica trasformazione da scarto a alimento.

Guardate le altre foto della giornata nel nostro album su facebook!

2 comments on “Disco Soupe: Diario di una domenica alla Balera | Parte Prima”

  1. Pingback: Disco Soupe: Diario di una domenica alla Balera | Parte Seconda | SenzaSpreco

  2. Pingback: Disco Soupe a Settignano! Una zuppa contro lo spreco | SenzaSpreco

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>